Come sono fatte

Il nome formiche di fuoco indica diverse specie di formiche: le Solenopsis spp, le Solenopsis spp invicta e le Myrmica rubra. Vengono chiamate di fuoco perché sono piuttosto aggressive e le loro punture provocano un forte bruciore.

Come tutte le altre formiche, anche le formiche di fuoco si dividono in regine, maschi ed operaie. Le regine sono le più grandi, e raggiungono anche gli 8mm, seguite dai maschi alati, di circa 7mm e dalle “piccole operaie”, che misurano tra i 3 e i 5mm.

Il loro colore varia dal rosso al nero e le regine sono molto prolifiche: vivono anche sette anni e sono in grado di produrre fino a 3.500 uova al giorno.

 

Abitudini e alimentazione

Le formiche di fuoco sono originarie dell’Africa e piano piano si sono diffuse un po’ in tutti i paesi caldi, trovando pane per i loro denti anche in Europa, nelle case e negli edifici riscaldati, nei luoghi in cui c’è un’alta percentuale di umidità.

Nidificano alla base dei tronchi degli alberi e dei marciapiedi, nei prati aperti e nel terreno smosso; nelle case nidificano anche all’interno di quadri elettrici e talvolta sono la causa di corti circuiti.

Si nutrono principalmente di insetti, ma anche di piante, funghi e di nettare. È all’interno delle case che diventano onnivore e attaccano frutta, dolci, carne, olio e burro.

 

Perché sono dannose per l’uomo

La puntura di una formica di fuoco causa un forte bruciore che in pochi minuti va via. Il bruciore lascia il posto ad una vescica piena di siero che a poco a poco si trasforma in una piccola ulcera. Se si infetta e o se le punture sono numerose, possono portare a disturbi visivi e gastrointestinali e a febbre e diarrea.

Se sei stato a contatto con una formica di fuoco, scopri se sei stato punto e come puoi alleviare le punture.

 

Come evitare un’infestazione di formiche di fuoco

Non lasciare mai cibi scoperti e cerca di tenere pulita casa, disinfettando magari i piani della cucina con dell’aceto. Sigilla i punti da cui credi che formiche e altri insetti possano accedere ed evita di usare insetticidi tossici. Se trovi la colonia, interrala e chiama una ditta di dinfestazioni: per usare pesticidi e veleni bisogna avere una conoscenza e una professionalità che non tutti abbiamo.