Quale insetto è famoso quanto le pulci? Quando vediamo qualcuno grattarsi ripetutamente subito pensiamo alle pulci. Questi piccolissimi insetti, infatti, sono noti per essere tanto piccoli quanto molesti.

Si tratta di una specie di insetti privi di apparato alare. La mancanza delle ali è compensata da arti posteriori lunghi e atti al salto, ed è proprio così che le pulci si spostano da un animale all’altro o dall’animale all’uomo: con grandi salti.

Rientrano nella categoria degli ematofagi: dal greco ématos, sangue e fagèin, mangiare, dunque sono insetti che si nutrono del sangue dei loro ospiti.

Come sono fatte le pulci

Esistono circa duemila specie di pulci, tuttavia si può tracciare un quadro comune delle loro caratteristiche. Le pulci hanno dimensioni davvero minime: la loro lunghezza si aggira tra 0,8 e 6 millimetri. Il loro corpo presenta una forte compressione laterale, si sviluppa quindi in altezza piuttosto che in larghezza a differenza ad esempio di quello delle cimici che tendono ad avere una forma più piatta e schiacciata. Non hanno ali ed il loro colore tende al rossiccio.

Hanno un apparato pungente e succhiatore formato dal labbro superiore e dall’epifaringe.

Le zampe sono forti e grazie ad un altrettanto forte muscolatura le pulci riescono a fare salti proverbiali.

Tipi di pulci

Come abbiamo detto esistono circa 2000 specie di pulci. Quelle che ci interessano direttamente però sono circa tre.

La Ctenocephalides felis altrimenti detta pulce del gatto. La sua colorazione è piuttosto scura e va dal marrone scuro al nero. E’ molto diffusa ed ha una particolare resistenza agli insetticidi.

La Ctenocephalides canis è invece la pulce del cane. Di colore diverso dalla precedente, è per lo più rosso scuro. Attacca e predilige i cani, ma in assenza di cani non disdegna altri ospiti.

La Pulex irritans è un tipo di pulce che predilige l’uomo, ma può scegliere come «vittime» anche molti altri animali.

Come si riproducono

Le pulci sono animali ovipari. Le uova vengono normalmente deposte tra i peli dell’ospite, nelle cucce o nei nidi. Nei casi in cui si trovino in un appartamento e non su un ospite possono deporre le uova in anfratti delle pareti o dei pavimenti o nei tessuti di divani, dei letti e nella sabbia. Le uova presenti su un ospite, ad esempio un cane, possono, allo scuotersi di questo, cadere a terra o sui tappeti e da ciò invadere un nuovo territorio fino a raggiungere un nuovo ospite.

Le fasi del ciclo vitale delle pulci sono:

  • uovo
  • larva
  • pupa
  • adulto

Normalmente rimangono nello stato larvale nel periodo invernale, la schiusa avviene principalmente in primavera/estate quando il clima caldo è più favorevole per loro.

Nelle zone equatoriali e molto calde le pulci sono presenti tutto l’anno quindi si pone più spesso il problema della disinfestazione.

Come liberarsi delle pulci

E’ possibile utilizzare delle precauzioni o metodi fai da te, ma il consiglio è quello di contattare una ditta seria di disinfestazioni. Nel fai da te il rischio è quello di tralasciare piccoli dettagli che vanificano l’intero lavoro e dopo tanta fatica e soldi spesi nell’acquisto di prodotti ritrovarsi a non aver risolto il problema.

E’ buono comunque seguire dei piccoli accorgimenti che aiutano a limitare i danni. Il primo è quello di lavare ad alte temperature i tessuti sui quali si ritiene siano depositate le pulci o le uova delle stesse. Se lavate le coperture di divani o sedie tenete conto che le uova possono rimanere nel legno o nella struttura.

Potete anche nebulizzare un insetticida nelle aree più nascoste della casa, ma fate attenzione se avete animali domestici. L’insetticida non è letale solo per le pulci, potrebbe essere nocivo anche per i vostri cani o i vostri gatti.

Gli animali domestici andrebbero lavati e andrebbe applicato loro un collare antipulci o qualche altro prodotto per impedire di vanificare la vostra pulizia.

Esistono anche dei metodi naturali per tenere lontane le pulci: il sale ed il limone. Sono come in molti altri campi ottimi rimedi. Potete preparare ottimi rimedi utilizzando questi due ingredienti, potete cospargere gli oggetti con il sale o nebulizzare il limone.

La possibilità di riuscita di una disinfestazione fai da te però è scarsa proprio perchè le pulci hanno estrema mobilità e sono talmente piccole da non essere facilmente individuabili. Inoltre la presenza in casa di cani, gatti o uccellini può essere un veicolo continuo ed ininterrotto di pulci.

Come individuare le pulci sui cani o sui gatti

E’ quasi impossibile notare a occhio nudo la presenza di pulci sul proprio animale domestico, ma un primo ed inconfondibile segnale è dato dal comportamento dei nostri amici a quattro zampe. Se notiamo che iniziano a grattarsi più del dovuto e diventano nervosi con molta probabilità sarà perchè hanno questi ospiti sgraditi.

Un altro segnale di allarme è dato dalla presenza di una polverina nera, simile al pepe, tra i peli del cane o del gatto. Si tratta delle feci delle pulci.

Malattie negli animali

Le pulci possono causare affezioni di vario genere sia nell’uomo che negli animali. Tra queste:

  • anemia
  • tenia
  • rickettsiosi
  • peste
  • tenia

Malattie nell’uomo

Le pulci possono nell’uomo cagionare le stesse affezioni che negli animali. In particolare la parassitosi da tenia, le dermatiti allergiche, la peste e il tifo murino.

Rimedi contro le pulci

I morsi delle pulci sono facilmente riconoscibili per essere localizzati su braccia e caviglie in via preferenziale. Per lenire il bruciore ed il gonfiore si possono usare creme chimiche a base di idrocortisone o creme naturali a base di aloe. Vi sono poi aromi naturali che tengono lontane le pulci ed in genere molti altri insetti: parliamo dell’essenza di agrumi, di eucalipto e di lavanda.