Ratti

Il ratto appartiene al genere dei Muridi. A questa famiglia appartengono due specie: il ratto nero, o comune, e quello norvegese.

Distribuzione

Originari dell’Asia, questi roditori, al giorno d’oggi, sono ampiamente diffusi in tutto il mondo. In Italia la loro diffusione è maggiore nelle aree costiere.

Dimensioni e aspetto

I ratti sono di notevoli dimensioni, possono infatti pesare fino a 500 gr. Presentano una lunghezza, compresa la coda, tra i 200 e i 600 mm.

Il pelo è ispido e corto. Nel caso del ratto comune, il colore della pelliccia è nera e tendente a schiarirsi verso il ventre. Al contrario quello norvegese presenta una colorazione che va dal grigio al marrone, con brizzolature nere o bianche sul dorso. Possiedono dei piedi molto sottili e spesso la loro coda è più lunga del resto del corpo.

Habitat ed abitudini alimentari

Questi roditori vivono in quasi tutti gli habitat umani, depredandone le sue scorte alimentari. Il ratto norvegese è onnivoro, al contrario dell’erbivoro ratto nero. Inoltre predilige fognature, discariche e ogni genere di luogo caratterizzato da una scarsa igiene.

Riproduzione

I ratti sono animali molto prolifici e dunque raggiungono facilmente la sovrappopolazione. Non hanno un periodo riproduttivo particolare e arrivano a dare alla luce una media di sei nidiate l’anno, comprendenti dai 5 ai 12 cuccioli. La gestazione dura circa 24 giorni. Gli esemplari, durante i primi giorni di vita sono ciechi e sordi e, dopo circa quattro mesi, raggiungono la maturità sessuale. In media vivono due anni, mentre in cattività possono raggiungere circa quattro anni di vita.

Rapporti con l’uomo

I ratti, vivendo spesso in luoghi poco igienici, presento un pericolo per l’uomo in quanto portatori di malattie quali:

  • Peste

  • Salmonellosi

  • Leptospirosi

  • Rabbia

Inoltre, cercando di depredarne le provviste, possono causare danni ai raccolti, dispense e magazzini. Molto comune è il danno causato ai cavi elettrici dovuti dal loro masticamento.

Metodi di disinfestazione

Per ottenere un risultato efficacie e definitivo, è consigliabile affidarsi ad una impresa esperta come ad esempio https://derattizzazioni.org in derattizzazioni. Le tecniche attualmente utilizzate sono:

  • La derattizzazione chimica: che utilizza prodotti chimici al fine di eliminare i roditori.
  • La derattizzazione meccanica: attraverso l’ausilio di esche e trappole.
  • La derattizzazione ecologica: il metodo più sicuro in quanto si evita il contatto tra l’uomo, specialmente i bambini, e i rodenticidi. Si fa infatti ricorso a particolari trappole in grado di catturare fino a 200 topi.

Derattizzazione udine? Richiedi un preventivo ai nostri tecnici di zona completamente gratuito!