tarma del cibo - Camole o tarme del cibo: pericoli e rimedi dalle farfalline del cibo

Camole o tarme del cibo: pericoli e rimedi dalle farfalline del cibo

Le tarme del cibo o camola, scientificamente Plodia Interpunctella, sono degli insetti che infestano gli alimenti soprattutto vegetali, come ad esempio granaglie, farine, pasta alimentare, biscotti, spezie, frutta secca.

Le tarme di colore marrone scuro e le dimensioni minuscole strisciano sulle superfici per poi trasformarsi in farfalla quando diventano adulte, caratteristica che le ha rese note anche con il nome di farfalline del cibo.

Le tarme del cibo sono un problema da non sottovalutare e in caso di infestazioni gravi è importanti rivolgersi a operatori professionali, che mettano in atto piani di lotta efficaci per debellarle in modo definitivo. Disinfestazione24 è specializzata nella disinfestazione delle terme del cibo e propone soluzioni innovative per bonificare gli ambienti domestici e commerciali da ogni tipo di infestante.

Cosa sono le tarme del cibo?

Le tarme del cibo appartengono all’ordine dei Lepidotteri e sono insetti olometaboli, ovvero a metamorfosi completa. Infatti, il loro ciclo vitale comprende gli stadi di uovo, larva, crisalide e adulto.

La larva ha un corpo stretto e lungo, con tre paia di zampe al torace e cinque paia di pseudozampe sull’addome. Dotata di un robusto apparato boccale e masticatore emette dalla filiera situata sotto il labbro la seta o bava sericea, un liquido che a contatto con l’aria solidifica lasciando un particolare filo.

Tale seta oltre a rivestire la superficie delle derrate alimentari, viene utilizzata dalla larva per creare il bozzolo dove proteggersi e trasformarsi in crisalide. Fino a diventare farfalla e raggiungere lo stadio adulto.

Vedi anche  La Processionaria del Pino: eliminare un nido processionaria con la disinfestazione

I danni delle farfalline del cibo

I danni delle tarme del cibo sono causati soprattutto dalle larve. Queste ultime lasciano sugli elementi bave sericee, escrementi e esuvie contaminandoli e nei casi particolarmente gravi anche frammenti del corpo, bozzoli, squame, peli e carcasse. Tutti questi residui contaminano le derrate elementare, che in caso di contatto, inalazione o ingestione da parte dell’uomo, possono generare irritazione o allergie.

Fenomeni che possono riguardare i consumatori ma anche il personale addetto alla lavorazione e allo stoccaggio degli alimenti infestati. È importante notare che le larve sono in grado di perforare gli imballaggi per arrivare al substrato alimentare, caratteristica che rende questi insetti molto pericolosi dal punto di vista igienico sanitario, oltre che economico.

Segni dell’infestazione di camole

camola del cibo 300x188 - Camole o tarme del cibo: pericoli e rimedi dalle farfalline del ciboIspezionare periodicamente la dispensa o i locali della cucina può aiutare a individuare focolai di infestazione in fase iniziale e intervenire per evitare la diffusione. La presenza di tracce di bave sericee anche se modeste possono essere un campanello d’allarme che deve portare subito a mettere in atto pratiche utili a debellare gli insetti.

Se l’infestazione è più grave si possono notare agglomerati di bave sericee che comprendono anche parte del substrato alimentare, insieme a rosume, detriti, esuvie, escrementi larvali. La polvere sulle superfici, rappresentata da una specie di scia lineare è un altro segnale che indica la presenza delle tarme del così come dei bozzoli negli angoli delle pareti le esuvie o pupali, sulla superficie degli alimenti o le farfalle vive in volo o ferme sui muri, i mobili e le mattonelle.

Come prevenire l’infestazione da tarme del cibo

La prevenzione è fondamentale per evitare le infestazioni di tarme del cibo. A tal fine, la prima regola è quella di osservare una corretta igiene e sanificazione delle dispense e dei locali in cui si conservano le derrate alimentari. Tenere queste ultime chiuse in appositi contenitori di plastico o vetro è un’altra pratica che può aiutare a contrastare lo sviluppo delle larve. Evitare di lasciare cibi semiaperti o pane secco, cioccolata, pasta o altri alimenti per troppo tempo nella dispensa è un altro valido accorgimento per non rischiare infestazioni di tarme.

Vedi anche  Rimedi contro le zanzare: antizanzare fai da te, metodi naturali antizanzara

Le larve possono essere introdotte in casa da alimenti giù contaminati, prima di riporli in dispensa è consigliabile ispezionarli per vedere se ci sono larve o filamenti che indicano la loro presenza. Un buon rimedio naturale contro le terme è quello di lavare i mobili con acqua e aceto e mettere qualche foglia di alloro. In ambienti grandi, come le dispense di ristoranti o locali commerciali in caso di infestazione la soluzione ottimale è data dalla disinfestazione effettuata da operatori qualificati. Disinfestazione24 si occupa del controllo e dell’eliminazione di infestanti, ricorrendo a sistemi innovativi e naturali, che consentono di combattere gli insetti in modo rapido e sicuro.

Disinfestazione tarme del cibo

In caso di un’infestazione grave è necessario procedere alla disinfestazione. L’uso di trappole ai feromoni è una valida soluzione per debellarle le tarme del cibo. Le trappole contengono sostanze con gli stessi odori percepiti dagli insetti e che utilizzano come richiamano sessuale.

Sfruttando tale attrattiva è possibile catturare le tarme e fare in modo che non si riproducano. Infatti, collocando le trappole in dei contenitori o sacchi di plastica, con superfici adesive o ricche di colla, è possibile attirare gli insetti, che rimangono incollati e muoiono. Contattando gli operatori di Disinfestazione24, disponibili tutti i giorni, festivi compresi, si ha la possibilità di bonificare completamente gli ambienti infestati e sanificarli con sistemi a norma di legge e che rispettano la salute dell’uomo.