Come eliminare i tarli dal legno?

tarli del legno possono rivelarsi una vera e propria minaccia per i mobili della casa soprattutto se si tratta di un’infestazione. A tal proposito è indispensabile conoscere a fondo questa specie e ricorrere ai migliori rimedi naturali per mettere in atto una corretta disinfestazione.

Tarli del legno: specie e caratteristiche

Prima di scoprire i vari metodi su come eliminare i tarli del legno è opportuno conoscere a fondo alcune caratteristiche comuni di questi piccoli animaletti e sul loro ciclo vitale. Innanzitutto, i tarli del legno non sono insetti volanti e a differenza delle tarme che si nutrono dei tessuti, questa specie si nutre della polpa del legno distruggendo mobili, armadi e qualsiasi superficie in legno che riesce ad infestare. In età adulta i tarli possono essere lunghi mezzo centimetro e non sono pericolosi per la salute dell’uomo purché non siano attaccati da parassiti.

Esistono varie tipologie di tarli, i più comuni sono i “tarli della morta”, i quali fanno rumore mentre si nutrono del legno mentre la specie “capricorni del legno” ha dimensioni maggiori tanto che può raggiungere anche i 5 cm e anch’essa produce rumori durante il danneggiamento del legno.
Quando un mobile presenta dei fori significa che è stato già danneggiato dai tarli e in alcuni casi potrebbe essere tardi per intervenire: le uova deposte formeranno altri esemplari i quali a loro volta faranno altri fori. Le larve di questa specie si cibano di sostanze organiche specifiche del legno, ovvero della cellulosa e della legnina. In presenza di buchi e fori sul legno significa che l’attacco dei tarli è giunto al termine e il mobile sarà costituito da veri e propri passaggi che potrebbero nuovamente ospitare gli insetti per deporre le uova.

Eliminare i tarli del legno con la prevenzione

Imbattersi in un’infestazione di tarli significa intervenire in tempo per evitare che il problema si aggravi e per tutelare il mobile prima che sia troppo tardi. Per prevenire i danneggiamenti di questi insetti bisogna innanzitutto tappare tutti i fori esistenti e riparare il mobile danneggiato. In questo modo, una volta ripristinata l’integrità del mobile, questi parassiti non potranno più attaccarlo. Inoltre, restaurando il mobile con smalti, resine, vernici e le dovute procedure di levigatura sarà possibile renderlo sicuro ed inattaccabile.

Rimedi naturali per eliminare i tarli del legno

Ecco alcuni semplici ed utili consigli per prevenire la comparsa di tarli in modo completamente naturale, senza alcun rischio di sostanze chimiche e dannose per la salute.
In particolare, l’eucalipto è un vero e proprio nemico del tarli: per mettere in atto questo rimedio efficiente basterà inumidire un panno con l’essenza di eucalipto e strofinare la superficie dei mobili delicatamente. Per ottenere i risultati desiderati sarà opportuno cercare di raggiungere anche gli angoli più nascosti.

Anche la lavanda si rivela un metodo efficace per allontanare i tarli dalle superfici dei mobili: basterà procurarla sotto forma di olio essenziale e preparare una soluzione anti tarli diluendo dell’acqua con dei pezzi di sapone e unendo l’olio essenziale di lavanda. A questo punto occorre versare la soluzione in stampi di piccole dimensioni e una volta che le formine si saranno solidificate, inserirle all’interno di armadi e mobili.

Vedi anche  Flebotomi: cosa sono e come proteggersi dalle punture del flebotomo?

Per sbarazzarsi dei tarli, un rimedio valido è l’uso di un pezzo di cipresso. Quest’ultimo andrà levigato, inumidito con olio di cedro e tagliato in piccoli pezzi da inserire all’interno dei mobili sui quali si desidera intervenire.

Per eliminare i tarli, un altro rimedio naturale prevede l’utilizzo dell’aceto: occorre rimuovere i cassetti dagli armadi e dal mobile infestato e lavarli con una soluzione composta da 250 ml di aceto in un litro di acqua, miscelando il tutto con due cucchiai di fiori secchi di lavanda.

Un metodo naturale impeccabile contro la presenza di tarli è l’olio essenziale di cedro: preparare una soluzione con acqua, vodka e olio di cedro da passare sulla superficie dei mobili con l’utilizzo di un batuffolo di cotone. In alternativa, è consigliabile inumidire il batuffolo nella soluzione e inserirlo all’interno dei cassetti per accrescerne l’efficacia.

Tarlo del legno come eliminarlo: soluzioni ecologiche e prevenzione

Per la disinfestazione da tarli, in commercio è anche possibile reperire una vasta gamma di prodotti ecologici che sono una valida alternativa alle soluzioni più comuni costituite da sostanze chimiche e dannose. Si tratta di prodotti composti da sostanze naturali miste a varie tipologie di spezie che permettono di tutelare le superfici dalla comparsa di questi parassiti.
Per ricorrere invece ad un rimedio rapido è possibile sfruttare le bucce degli agrumi, che garantiscono una potente azione anti tarlo. Quindi dopo aver assunto delle arance o del limone basterà scomporre le bucce in piccole fette e inserirle all’interno di sacchetti da riporre dentro ai mobili. Questo metodo allontanerà la presenza dei tarli dalle superfici del legno.
Vi sono poi una serie di accortezze da adottare per tutelare le superfici dei mobili: se l’armadio è stato attaccato dai tarli è opportuno svuotarlo e lavarlo in modo accurato. I tarli potrebbero ripresentarsi, quindi è bene disinfettarlo con cura, anche negli angoli più nascosti.

Vedi anche  Anobio del pane: il peggior insetto della farina

Per conoscere i prezzi di un trattamento antitarlo professionale leggi questo articolo.