Antitarlo microonde, in cosa consiste e quanto costa?

La disinfestazione dei tarli del legno avviene quando l’infestazione è già pregressa, poiché è difficile identificare prima del danno questi insetti. Controllando attentamente prima del tempo, è possibile vedere i segnali che indicano il bisogno dell’intervento di esperti del settore.

La vita del tarlo

I tarli del legno sviluppano la propria vita in quattro stadiuova, larva, pupa e coleottero adulto. Questi insetti all’ultimo stadio depongono le uova nella crepe o fessure delle superfici in legno. Una volta che si sono evoluti in larve, cominciano immediatamente a nutrirsi di legno essendo l’unico cibo disponibile. Quando si trovano in questo stadio è molto difficile individuarli. Le larve continuando a mangiare il legno, passano allo stadio successivo cioè pupe, diventando in seguito coleotteri adulti che escono in superficie. Nel momento in cui il tarlo infesta un ambiente, impiega anni a consumare tutto il legno presente, a meno che non si richieda un intervento da parte di esperti del settore.

Trattamento antitarlo con microonde

Utilizzare le microonde per eliminare i tarli del legno è un metodo molto diffuso. La domanda che ci si pone principalmente è: le microonde sono veramente efficaci e convenienti? Il trattamento sfrutta le onde elettromagnetiche puntandole sul punto da trattare, in modo tale da surriscaldare le molecole d’acqua presenti nei tarli. Questo li porta ad alte temperature, letali per tutti i loro stadi, dal più piccolo alla forma finale. In linea di massima, quando viene proposto il trattamento tramite le microonde, si effettua un’analisi preliminare utilizzando attrezzature specifiche, per cercare di individuare il punto in cui si trova l’attività dei tarli. Dunque si sta parlando di quelli in forma adulta che scavano le gallerie. In questo modo si possono ipotizzare le aree colpite da essi. Però effettuando una disinfestazione localizzata, non si fornisce la certezza di eliminare tutte le firme dei tarli presenti. Infatti i tarli possono volare tranquillamente, e riescono a depositare le uova nelle vicinanze oppure proprio in altri mobili presenti nella stanza. Le loro uova sono invisibili ad occhio nudo, quindi con le microonde attraverso un intervento localizzato non si può pensare di eliminarle completamente. È necessario quindi effettuare una bonifica della camera.

Vedi anche  Rimedi contro le zanzare: antizanzare fai da te, metodi naturali antizanzara

Utilizzare le microonde per interventi localizzati

Di solito l’utilizzo delle microonde avviene per trattare aree localizzate, poiché è praticamente impossibile trattare tutto l’ambiente sua per i tempi che per i costi. Infatti trattare tutte le travi all’interno di un tetto in legno con le microonde, necessiterebbe di tempi di lavoro molto lunghi, in quanto il cono del macchinario utilizzato per produrre microonde è in forma ridotta e quindi andrebbe applicato porzione per porzione. Già solo il trattamento in una stanza di medie dimensioni verrebbe a costare molto, per colpa del lungo tempo di impiego. Considerando la composizione della macchina che produce le onde elettromagnetiche e la sua ridotta dimensione, non è possibile utilizzarla in spazi angusti difficilmente raggiungibili e botole interrate. In quanto il dispositivo non sarebbe in grado di orientare correttamente le onde.

Costo e convenienza del trattamento con microonde

Il risparmio di questo metodo è solo apparente. Infatti il costo è nettamente inferiore rispetto ad un trattamento classico effettuato su tutto l’ambiente. Il problema principale si trova nel momento in cui le uova sparse nella stanza dai tarli si schiudono e l’infestazione ricomincia, quindi si perde il risparmio iniziale per poter effettuare una nuova disinfestazione.

Trattamento pericoloso per l’uomo e l’ambiente

Trattare attraverso le microonde grandi aree direttamente sul posto, permette alle onde elettromagnetiche di espandersi in ogni direzione, senza controllo e di conseguenza una persistenza di esse nell’ambiente. Questa situazione può creare anche fenomeni di rifrazione, cioè un riflesso delle onde a contatto con un oggetto metallico, come: chiodi, cavi o sottotracce nascoste nelle pareti. Quindi questa propagazione non è sicura per l’ambiente e gli abitanti della casa. Utilizzando, invece, il trattamento microonde per disinfestare un mobile, esso verrà inserito in una camera chiusa schermata, dunque sarà pulito in maniera sicura.

Vedi anche  Disinfestazione Tarli del Legno, Trattamenti Antitarlo

Cosa sono le microonde

Le microonde non sono altro che semplici onde elettromagnetiche, che hanno una frequenza tra i 300 megahertz e i 300 gigahertz. Queste specifiche onde vengono utilizzate anche in altri campi, come: le telecomunicazioni, la cottura dei cibi e, ovviamente, la disinfestazione. L’unica differenza è che in ogni campo si utilizzano frequenze diverse.

Le microonde: un pericolo per l’uomo?

Le microonde non sono affatto pericolose per l’uomo. Infatti dopo il trattamento non rimangono residui nel luogo in cui vengono utilizzate, come accade invece con gli interventi chimici.

Il trattamento antitarlo con microonde è duraturo?

L’utilizzo di microonde elimina completamente gli insetti infestanti già presenti nel legno, ma non lo rendono un posto inadatto per una nuova infestazione dopo il primo trattamento. Una volta finito il lavoro, il legno può subire una nuova infestazione dopo un tempo piuttosto lungo. Calcolando che il ciclo vitale di questi insetti infestanti è maggiore di 1 anno.